Cotti (M5s): “Armi Arabia Saudita e Emirati finiscono a gruppi armati terroristici e a Isis”

Le armi dell’Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti finiscono nelle mani di gruppi armati terroristici e alla Siria. Il vettore Silk Way Airlines dell’Azerbaigian, sotto copertura di “voli diplomatici”, è stato usato per spostare grandi quantità di armi pesanti nelle zone di conflitto. E’ lo stesso vettore che più volte ha prelevato gli ordigni della Rwm Italia Spa dall’aeroporto civile di Cagliari-Elmas. Gli ordigni della Rwm di Domusnovas, commissionati dall’Arabia Saudita, sono per caso finiti anche alla Siria contro Bashar al-Assad?

Un rapporto investigativo di un giornalista bulgaro dice che l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti hanno fornito armi a gruppi armati in Siria e in Iraq utilizzando diversi intermediari e copertura diplomatica per mascherare i loro punti d’origine e destinazioni finali. Il rapporto, redatto da Dilyana Gaytandzhiev, afferma che l’Arabia Saudita, l’UAE, le forze armate statunitensi e altri paesi hanno utilizzato le compagnie aeree azzurre di Silk Way Airlines per trasportare grandi quantità di armi che sono finite nelle mani dello Stato islamico d’Iraq e dell’ISIS, combattenti curdi in Medio Oriente e gruppi armati in Africa.

Secondo il rapporto pubblicato dal più grande giornale della Bulgaria, sarebbero almeno 350 i voli diplomatici di Silk Way Airlines che hanno trasportato armi per i conflitti di guerra in tutto il mondo negli ultimi 3 anni. “I velivoli statali dell’Azerbaigian – scrive il giornale – portarono a bordo decine di tonnellate di armi pesanti e munizioni dirette a terroristi sotto la copertura dei voli diplomatici”.

Citando documenti che dettagliano i percorsi di volo e carichi delle armi dei voli diplomatici, la relazione mostra un aereo caricato con mortai e granate anti-serbatoio tra SPG-9 e GP-25, che sono stati più tardi scoperti dall’esercito iracheno un mese fa in un ISIL Magazzino a Mosul.

L’Arabia Saudita ha espresso pubblicamente il suo sostegno ai combattenti siriani che cercano di rovesciare il governo siriano del presidente Bashar al-Assad.

Diversi tentativi di Al Jazeera per raggiungere la compagnia Silk Way Airlines a Baku per un commento sulla notizia non sono andati a buon esito.

La giornalista Dilyana Gaytandzhiev nei giorni scorsi, attraverso un tweet, ha riferito di essere licenziata dal suo lavoro dopo essere stata interrogata dalla sicurezza nazionale bulgara che ha cercato di scoprire le sue fonti.

I primi sospetti del trasferimento di armi alla Siria li ha avuti quando ha trovato armi di origine bulgara nelle mani dei “terroristi” di Aleppo, aggiungendo di avere tracciato queste armi fino al produttore bulgaro, scoprendo così che le stesse erano state legalmente esportate in Arabia Saudita, che a sua volta le ha fornito ai terroristi in Siria.
Parlando con Al Jazeera per telefono, Gaytandzhiev ha dichiarato: “L’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti e gli Stati Uniti dovranno smettere di utilizzare la copertina dei voli diplomatici di Silk Way Airlines per fornire armi dell’Europa orientale che finiscono in mano a terroristi in tutto il mondo. I voli diplomatici sono esenti da controlli e ispezioni “.

Senatore Roberto Cotti, Movimento 5 stelle

Fonti:
http://www.aljazeera.com/…/saudi-arabia-uae-implicated-arms…
https://trud.bg/350-diplomatic-flights-carry-weapons-for-t…/

Commenti

comments