Decine di imbarcazioni in mare per la Round Sardinia Race 2017. Il giro dell’Isola è partito da Cagliari sabato a mezzogiorno in direzione Villasimius.

Grande novità dell’edizione di quest’anno è l’aggiunta della tappa di Arbatax: sono ora sei le frazioni intermedie. La Round Sardinia Race è nata nel 2007 dall’idea di Andrea Mura, vincitore dell’ultima Ostar, per promuovere la vela d’altura in Sardegna e l’isola di Sardegna nel mondo come teatro per la pratica allo sport della vela. Grazie al contributo della Regione è tornata l’anno scorso alla grande nel calendario degli eventi velici nazionali e internazionali.

La regata circumnaviga l’Isola in senso antiorario facendo tappa a Villasimius (start a Cagliari), Arbatax, Porto Rotondo, Alghero, Carloforte e Cagliari. “Un abbraccio ideale – dice Mura – che cinge la Sardegna, unendo maestranze, circoli velici, leghe navali, fornitori, partner, stampa, armatori, velisti ed appassionati di questa sana follia che è l’andare per mare cercando il vento”. All’arrivo ad ogni porto, premiazione, cena e festa nei vari marina e club velici ospitanti. Gli organizzatori dell’evento sono l’Asd Vento di Sardegna, l’Ichnusa Sailing Kermesse e la Lega navale italiana di Villasimius. Durante la Round Sardinia Race è possibile ammirare Vento di Sardegna (che partecipa fuori classifica), l’Open 50 che ha appena trionfato nella Ostar 2017 per la seconda volta consecutiva, la difficile regata transatlantica in solitario da Plymouth a Newport.

Commenti

comments