Cronaca

15 Febbraio 2016

Aias, botte a disabili: le indagini partite da denuncia di una dipendente - VIDEO

Dopo la segnalazione della dipendente - poi trasferita in altra sede è mai più richiamata al lavoro - sono scattati gli accertamenti. Sono state nascoste telecamere e dalle riprese sono emersi i maltrattamenti, le ingiurie e le percosse
Ansa News
Aias%2C%20botte%20a%20disabili%3A%20le%20indagini%20partite%20da%20denuncia%20di%20una%20dipendente%20-%20VIDEO
L'Aias di Decimomannu

Le indagini che hanno portato questa mattina alla sospensione per sei mesi di 14 tra operatori sanitari, infermieri e amministratori dell'Aias di Decimomannu (Cagliari) per presunti maltrattamenti nei confronti dei pazienti affitti da problemi psichici ospiti, sono partite dalla denuncia di un'operatrice nell'ottobre del 2014.

GUARDA IL VIDEO

Da quanto si è appreso, erano stati richiesti per gli indagati gli arresti domiciliari, ma il Gip ha preferito la sospensione dai pubblici uffici. Dopo la segnalazione della dipendente - poi trasferita in altra sede è mai più richiamata al lavoro - sono scattati gli accertamenti. Sono state nascoste telecamere nei raparti, uomini e donne, psichiatrici. Proprio dalle riprese sono emersi i maltrattamenti, le ingiurie e le percosse.
Ad aprile del 2015 è scattato un primo blitz condotto dal Nas di Cagliari e dagli uomini della sezione di polizia giudiziaria della Procura, coordinati dal colonnello Gavino Asquer, conclusi con la sospensione dal servizio di tre persone e con un verbale di contestazione in cui venivano segnalati problemi igienici sanitari, irregolarità nel modo in cui venivano trattati e lavati i pazienti. Alcuni di loro, con problemi di incontinenza, dormivano in materassini identici a quelli usati nelle palestre, perché sporcavano i materassi. Non solo, insulti e ingiurie nei confronti di diversi pazienti.
Le indagini sono poi proseguite per alcuni mesi anche con intercettazioni telefoniche e nel registro degli indagati sono finiti gli altri 11 nomi.