Politica

19 Giugno 2017

Urbanistica, autonomie locali sollecitano tempi rapidi legge

Tempi rapidi per l'approvazione della nuova normativa in materia urbanistica con particolare attenzione ad alcune questioni che riguardano l'agro e i centri storici. Lo ha ribadito il Consiglio delle Autonomie locali
Ansa News
Urbanistica%2C%20autonomie%20locali%20sollecitano%20tempi%20rapidi%20legge

Tempi rapidi per l'approvazione della nuova normativa in materia urbanistica con particolare attenzione ad alcune questioni che riguardano l'agro e i centri storici. Lo ha ribadito il Consiglio delle Autonomie locali, con il presidente e sindaco di Nuoro, Andrea Soddu, nell'assemblea degli amministratori convocata oggi ad Oristano.

Presente anche l'assessore regionale dell'Urbanistica Cristiano Erriu. Il primo passo della nuova legge, predisposta dalla Giunta regionale, è atteso in settimana. Il Consiglio regionale, infatti, esaminerà a partire da mercoledì 21 la legge di manutenzione che modifica cinque leggi ritenute obsolete. Il secondo passo sarà l'esame della vera e propria legge urbanistica che deve iniziare l'iter in Commissione Governo del Territorio, dove il presidente è l'esponente dell'opposizione Giuseppino Pinna (Udc).

"Si è trattato di un proficuo momento di confronto con i sindaci di Comuni sardi grandi e piccoli, su due tematiche che riguardano tutte le amministrazioni locali, sia quelle delle zone interne che quelle delle coste - sottolinea l'assessore Erriu - Ho ribadito ancora una volta che i due provvedimenti di legge vanno nella direzione della semplificazione a vantaggio sia dei cittadini che della pubblica amministrazione, ma anche dello sviluppo economico dei territori. Uno sviluppo che dev'essere armonico e allo stesso tempo pragmatico, in quanto dobbiamo riuscire nel difficile compito di tutelare ambiente e paesaggio da una parte, ma anche garantire nuove opportunità al sistema produttivo della Sardegna. Alcuni articoli di entrambe le leggi - conclude Erriu - assicureranno maggiore operatività agli uffici tecnici dei Comuni, spesso bloccati da normative complesse che a volte si sovrappongono, generando enorme confusione".