detenuto-a-uta-si-laurea-in-ingegneria-civile

Cerimonia questa mattina a Cagliari per premiare i 16 migliori laureati per l’anno accademico 2016/17. Gli studenti sono stati scelti tra coloro che si sono laureati in corso con una votazione di almeno 107/110 e entro il mese di dicembre 2017. E’ stato individuato per ogni facoltà un laureato in un corso di laurea di durata triennale, uno in un corso di laurea magistrale di durata biennale e, per le quattro facoltà ove sono presenti, uno in un corso di laurea magistrale a ciclo unico (cinque o sei anni).

Per le graduatorie sono stati utilizzati diversi criteri: tempo impiegato per il conseguimento del titolo, voto di laurea, media ponderata dei voti conseguiti nelle attività didattiche, acquisizione di CFU in periodi di mobilità all’estero. I 16 migliori laureati hanno tutti conseguito il titolo con una votazione di 110/110 e la lode e in tre casi con una durata inferiore a quella prevista dalla durata normale del corso di studio. Per i primi sedici previsto un premio in denaro di 2000 euro: si aggiungono mille euro alla cifra normalmente concessa ai migliori 136 laureati dell’ateneo.

“Un momento di festa- ha sottolineato il rettore Maria Del Zompo – e di incontro con le famiglie”. Questi i premiati: Michela Altea, Michela Chillocci, Riccardo Maccioni, Marco Micheletto, Maurizio Bianco, Alessio Mocco, Veronica Mulas, Valeria Taccori, Filippo Fanni, Salvatore Tambasco, Serena Virdis, Andrea Borsato, Daniele Cerulla, Elena Sofia Safina, Daniela Fiorini, Debora Sanna. Le tesi? Tutte molto interessanti. Dalla “Produzione e caratterizzazione biochimica di biomassa microalgale” agli “Effetti del training autogeno su un gruppo di pazienti obese”, passando per la “Fatica muscolare nell’allenamento della Muay thai”.

Commenti

comments