La Polizia di Stato ha arrestato F. M. 35enne senegalese, già noto alle Forze di Polizia.

I poliziotti del Gruppo Falchi della Squadra Mobile, a seguito di provvedimento della misura cautelare in carcere emesso dal Tribunale di Cagliari per la spiccata capacità a delinquere e i numerosi reati di natura predatoria perpetrati dall’uomo, tra i quali anche il reato di rapina, lo hanno rintracciato e accompagnato presso la Casa Circondariale di Uta.

In particolare il 35enne è stato riconosciuto da due giovani rimasti vittime dei reati di furto con strappo, estorsione e rapina.

Il primo episodio è avvenuto nel giugno scorso quando, in Piazza del Carmine, il senegalese si era avvicinato al ragazzo sottraendogli il telefonino e l’orologio, chiedendo una somma di denaro per la restituzione e colpendolo poi con due schiaffi al suo rifiuto.

L’altro episodio è avvenuto nel mese di dicembre quando l’uomo nel quartiere Marina, aveva afferrato al collo un  ragazzo che passeggiava con il proprio cane chiedendo di consegnargli i soldi mentre un complice, suo connazionale, afferrava il suo cane minacciando di ucciderlo se non avesse adempiuto alla richiesta.

Il giovane, per paura delle conseguenze, consegnava i soldi che custodiva nel portafoglio e, nel contempo il complice  gli ha rubato anche del suo telefonino.

 

Commenti

comments