La campagna antincendi 2019 potrà contare su un dispositivo regionale composto da 7246 unità e 980 mezzi terrestri, più 5 elicotteri già in servizio ed altri 6 disponibili dal prossimo 15 giugno, e la flotta dei Canadair con base all’aeroporto militare di Alghero per consentire i lavori di ristrutturazione nello scalo di Olbia.

Lo ha annunciato l’assessore regionale dell’Ambiente Gianni Lampis che, con la collega degli Affari generali Valeria Satta, ha riferito sui principali dati della campagna antincendi di quest’anno davanti alle commissioni Ambiente, presieduta da Pierluigi Saiu (Lega) ed Affari generali presieduta da Giuseppe Talanas (Forza Italia), riunite in seduta congiunta.

Nella sua relazione Lampis ha dichiarato fra l’altro che sono stati predisposti interventi migliorativi sul territorio (alcuni in via di definizione) per rendere più efficiente l’organizzazione delle attività. Le misure riguardano in particolare i proprietari di strade, che dovranno liberare i terreni dalla vegetazione in una fascia di almeno 3 metri dalla sede stradale, Abbanoa Spa per il rifornimento della rete degli idranti e Forestas per i vasconi di raccolta dell’acqua.

L’assessore Satta ha invece comunicato di aver già firmato un decreto per l’assegnazione di 7 incarichi dirigenziali del Corpo forestale regionale che sarebbero scaduti il 4 luglio prossimo, in piena campagna antincendi.

Del sistema regionale dell’antincendio fanno parte il Corpo forestale regionale, l’Agenzia Forestas, i Vigili del fuoco, la Protezione civile, l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente, le organizzazioni di volontariato e le compagnie barracellari della Sardegna.

Nel corso dei lavori della commissione hanno preso la parola i consiglieri regionali Francesco Mura (Fdi), Roberto Li Gioi ed Alessandro Solinas (M5S), Roberto Deriu e Valter Piscedda (Pd), Massimo Zedda, Diego Loi, Antonio Piu e Francesco Agus (Progressisti), Franco Mula (Psd’Az).