Paura e fiamme ancora attive a Bosa, per l’incendio divampato ieri a tarda sera e che ha visto impegnate per tutta la notte le forze dell’ordine. Le fiamme sono state alimentate dal forte vento di scirocco in prossimità di Bosa Marina sia sulla Strada provinciale 49, in prossimità del km 1O a Capo Marraggiu, dove sono andati in fumo circa 250 ettari, e la Statale 129 bis km 29+300, in località Monte Furru, dove sono stati interessati circa 3O ettari e 10 in località Monte Contra.

Sul posto stanno operando quattro squadre dei Vigili del fuoco di Nuoro impegnate fino alle luci dell’alba per arginare il fronte delle fiamme, i Carabinieri della Compagnai di Macomer, gli Agenti del Corpo Forestale regionale, Barraccelli, Volontari e Croce Rossa.

Allo stato attuale ancora attivi alcuni focolai in zone non raggiungibili dai mezzi a terra. Alle prime luci del giorno si attende l’intervento dei mezzi aerei. Durante la serata a titolo precauzionale sono state evacuate una trentina di persona da Bosa Marina.

Attivati i centri di coordinamento comunali e provinciali. È stato istituito il Centro coordinamento dei soccorsi presso la prefettura di Nuoro dove il Comandante dei Vigili del fuoco Fabio Sassu dirige le fasi di soccorso in stretto raccordo con il Prefetto Anna Aida Bruzzese e il Sindaco di Bosa Piero Franco Casula. La situazione è in evoluzione.