A Cagliari, nel mese di dicembre 2019, l’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività, per la parte congiunturale, ha segnato una variazione del +0,3%, in controtendenza rispetto al valore del mese precedente in cui l’indice era variato del -0,2%.

L’indice tendenziale che ha una variazione del +0,2%, risulta essere in controtendenza anche esso rispetto al mese di novembre il cui indice aveva avuto una variazione del -0,2%.

PREZZI AL CONSUMO: VARIAZIONI PERCENTUALI DELL’INDICE N.I.C. (Intera Collettività Nazionale)

DIVISIONI Variazione tendenziale

Dicembre 2019

Dicembre 2018

Variazione congiunturale

Dicembre 2019

Novembre 2019

Pesi

in

milionesimi

Prodotti alimentari e bevande analcoliche 0,9 0,7 173.765
Bevande alcoliche e tabacchi 2,2 -0,4 36.277
Abbigliamento e calzature -0,6 0,0 71.882
Abitazione, acqua, elettricità e combustibili -2,0 0,2 97.949
Mobili, articoli e servizi per la casa -1,7 -0,1 83.585
Servizi sanitari e spese per la salute 0,2 0,0 83.383
Trasporti 1,7 1,0 136.089
Comunicazioni -6,0 0,1 24.577
Ricreazione, spettacoli e cultura 0,1 1,1 79.059
Istruzione 1,8 0,0 8.034
Servizi ricettivi e di ristorazione 1,3 -0,2 125.215
Altri beni e servizi 1,2 -0,1 80.185
INDICE GENERALE 0,2 0,3 1.000.000

Principali variazioni per divisione a dicembre 2019

Prodotti alimentari e bevande analcoliche

La divisione in esame, questo mese, registra una variazione congiunturale del +0,7%, in aumento rispetto al mese precedente in cui lo stesso indice aveva avuto una variazione del +0,4%. L’indice tendenziale registra una variazione del +0,9%, che risulta essere in aumento anche esso rispetto al +0,1% del mese di novembre. In aumento si segnalano variazioni significative nelle classi “Vegetali” +3,0% e “Pesci e prodotti ittici” e “Caffè, tè e cacao”+1,0%. In diminuzione non si segnala alcuna variazione significativa.

Bevande alcoliche e tabacchi

L’indice della divisione, nel mese di dicembre, registra una variazione congiunturale del -0,4%, nel mese di novembre si era avuta una variazione del +0,1%. L’indice tendenziale registra una variazione del +2,2%, in diminuzione rispetto al +2,4% registrato nel mese precedente. Tra le singole classi, in aumento non si segnalano variazioni. In diminuzione si segnalano variazioni nelle classi “Birre” -1,9%; “Alcolici” -1,4% e “Vini” -1,2%.

Abbigliamento e calzature

In questa divisione, questo mese, l’indice congiunturale che non ha alcuna variazione, risulta essere in diminuzione rispetto al +0,1% registrato nel mese precedente. L’indice tendenziale che registra una variazione del -0,6%, è in diminuzione anche esso rispetto al -0,5% del mese precedente. Tra le singole classi, in aumento non si segnala alcuna variazione significativa. In diminuzione non si segnalano variazioni.

Abitazione, acqua, elettricità e combustibili

Nella divisione presente, questo mese, si ha una variazione congiunturale del +0,2%, in diminuzione rispetto al mese precedente quando lo stesso indice aveva avuto una variazione del +0,4%. L’indice tendenziale, che registra -2,0%, risulta essere in aumento rispetto al -2,6% del mese di novembre. Nello specifico, in aumento si segnala una sola variazione significativa nella classe “Gasolio per riscaldamento” +1,6%. In diminuzione non si segnala alcuna variazione.

Mobili, articoli e servizi per la casa

In questa divisione, nel mese corrente, si segnala una variazione congiunturale del -0,1%, nel mese precedente si era registrata una variazione del +0,2%. L’indice tendenziale registra una variazione del -1,7% che risulta essere in diminuzione anche esso rispetto al -1,5% registrato nel mese di novembre. Tra le classi, in aumento non si segnalano variazioni significative. In diminuzione si segnalano variazioni nelle classi “Grandi utensili ed attrezzature per la casa ed il giardino” -2,0% e “Beni non durevoli per la casa” -1,0%.

Servizi sanitari e spese per la salute

L’indice congiunturale della divisione questo mese non registra alcuna variazione, nel mese precedente lo stesso indice era variato del +0,1%. L’indice tendenziale, che registra una variazione del +0,2%, risulta avere lo stesso valore del mese di novembre. Tra le singole classi, in aumento non si segnala alcuna variazione. In diminuzione non si segnalano variazioni significative.

Trasporti

Il tasso congiunturale della divisione a dicembre segna una variazione del +1,0%, in controtendenza rispetto al mese precedente quando lo stesso indice aveva avuto una variazione del -1,0%. L’indice tendenziale ha una variazione del +1,7%, in controtendenza anche esso rispetto al -0,7% del mese precedente. Nelle singole classi, in aumento si registrano variazioni significative su “Trasporto aereo passeggeri” +9,6% e “Trasporto marittimo e per vie d’acqua interne” +5,2%. In diminuzione si segnala una sola variazione significativa nella classe “Trasporto passeggeri su rotaia” -1,8%.

Comunicazioni

In questa divisione, nel mese di dicembre, si registra una variazione congiunturale del +0,1%, nel mese precedente si era registrata una variazione del -0,2%. L’indice tendenziale registra una variazione del -6,0%, che risulta essere in aumento anche esso rispetto al -6,2% del mese di novembre. Tra le singole voci, in aumento non si segnala alcuna variazione significativa. In diminuzione si segnala una sola variazione nella classe “Apparecchi telefonici e telefax” -3,1%.

Ricreazione, spettacoli e cultura

Il tasso congiunturale della divisione presente, a dicembre, registra una variazione del +1,1%, in controtendenza rispetto al -0,1% del mese precedente. L’indice tendenziale ha una variazione del +0,1%, che risulta essere in controtendenza anche esso rispetto al -0,1% del mese di novembre. Nello specifico, in aumento si hanno variazioni significative su “Pacchetti vacanza” +16,8%; “Apparecchi fotografici e cinematografici e strumenti ottici” +3,8%; “Apparecchi per il trattamento dell’informazione” +3,5%; “Articoli sportivi, per campeggio e attività ricreative all’aperto” +1,3% e “Libri” +1,0%. In diminuzione si segnalano variazioni significative nelle classi “Supporti di registrazione” -9,8% e “Giochi, giocattoli e hobby” -1,8%.

Istruzione

Questo mese, in questa divisione, non si registra alcuna variazione congiunturale, così come nel mese precedente. L’indice tendenziale è pari al +1,8%, che è lo stesso valore registrato nel mese precedente. Tra le classi presenti nella divisione, in aumento come in diminuzione non ci sono da segnalare variazioni.

Servizi ricettivi e di ristorazione

Il tasso congiunturale della divisione a dicembre registra una variazione del -0,2%, nel mese precedente si era registrata una variazione del -0,7%. L’indice tendenziale segna una variazione del +1,3%, che risulta essere in diminuzione rispetto al +1,9% del mese precedente. Tra le singole classi in aumento non si segnalano variazioni significative. In diminuzione c’è da segnalare una sola variazione significativa su “Servizi di alloggio” -1,6%.

Altri beni e servizi

In questa divisione, questo mese, l’indice congiunturale registra una variazione del -0,1%, così come nel mese precedente. L’indice tendenziale ha una variazione del +1,2%, in diminuzione rispetto al +1,4% registrato nel mese precedente. Tra le classi presenti nella divisione, in aumento come in diminuzione non si registrano variazioni significative.