Sette uomini di origine marocchina, 6 bosniaci, di cui 3 donne e 5 italiani. E’ la banda criminale specializzata nel recupero di rame, alluminio e ferro dai rifiuti speciali sgominata dai carabinieri di Villasor e dal Nucleo operativo della Compagnia di Sanluri, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Procura di Cagliari. I 18 denunciati recuperavano i metalli – che venivano rivenduti, per un giro di affari annuo che poteva garantire fino a 200mila euro – che erano stoccati in discariche abusive che poi venivano date alle fiamme, in maniera illecita e pericolosa per l’ambiente e la salute.

L’inchiesta – denominata “Green Villas” – era iniziata un anno fa dopo ripetute segnalazioni di incendi appiccati nei pressi delle palazzine occupate abusivamente ormai da decenni vicino al polo industriale dell’ex zuccherificio di Villasor.

Leggi le altre notizie su www.cagliaripad.it