In preda ad una “violenta esplosione di rabbia” ha aggredito il medico che si era recato a casa sua per una visita domiciliare. Quando ieri pomeriggio gli Agenti della Volante del Commissariato di Iglesias sono intervenuti presso l’abitazione  hanno trovato il medico, in servizio presso il Centro di Igiene Mentale di Iglesias, riverso a terra con il volto sanguinante e l’aggressore, un 58 enne già conosciuto agli operatori, sopra di lui che continuava a colpirlo al volto.

Con non poca fatica i due Agenti sono riusciti a sottrarre il medico dalla violenta azione dell’uomo e consentire al personale del 118 di prestare le prime cure al malcapitato. Infatti, al sanitario è stata necessario un urgente trasferimento all’ospedale “Brotzu” di Cagliari dove gli è stata data una prognosi di 30 giorni per lesioni gravi.

Da quanto appreso dagli Agenti l’uomo, paziente psichiatrico, aveva contattato il centro di Igiene mentale per poter avere a domicilio una ulteriore dose della terapia farmacologica fatta il giorno prima perché ritenuta insufficiente. Il medico quindi si era presentato presso la casa del paziente insieme ad altre due infermiere ed una volta entrato è stato, inaspettatamente ed improvvisamente, colpito con calci e pugni dall’uomo in preda ad una “violenta esplosione di rabbia”. Le due donne nulla hanno potuto fare per sottrare il medico dalla furia dei colpi perché anche loro sono state colpite ripetutamente con calci. Solo una delle due è riuscita a raggiungere il cortile e chiamare il 113.

L’uomo è stato arrestato per il reato di lesioni gravi e nel corso della mattinata si terrà l’udienza con rito direttissima.

Leggi le altre notizie su www.cagliaripad.it