Sarebbe avvenuto dopo una lite per motivi di vicinato il brutale l’omicidio di Massimo Deidda, l’allevatore 63 enne trovato morto ieri sera nel suo terreno a Sant’Isidoro, a Gergei. Due persone – stando all’Agenzia Ansa – sarebbero state fermate dai carabinieri del Comando provinciale di Nuoro e della Compagnia di Isili che hanno lavorato tutta la notte per ricostruire l’accaduto. I due fermati sono stati sentiti già ieri notte e si troverebbero al carcere di Uta.

Leggi le altre notizie su www.cagliaripad.it